Effetti della meditazione sul cervello

Ormai diversi studi hanno confermato che nei cervelli di meditatori esperti compaiono onde ad altissima frequenza, di solito rinvenute in soggetti in situazioni di traumi acuti, e ritenute mediatrici di stati di alta resilienza e intuizione. 

La rivista “Psychiatry Research: Neuroimaging” ha pubblicato i risultati ottenuti dallo studio del cervello di un meditante esperto, lo scrittore danese Ole Nydahl, Lama buddista della scuola del Karma Kagyu, quando il Lama si “dissolve nel vuoto”, il suo cervello lavora come un tutt’uno con un’accresciuta acuità intuitiva.

Dal libro “Ricucire l’anima” di Erica Francesca Poli
Editore “Mondadori”

 

Scroll to Top